DADA – Didattiche per Ambienti di Apprendimento

Dal prossimo settembre la configurazione tradizionale delle aule secondo la quale a ogni classe è assegnata un’ aula nella quale gli studenti  trascorrono la maggior parte del tempo scuola mentre i docenti girano da una classe all’altra, sarà rivoluzionata a favore di aule laboratorio disciplinari. Le aule saranno assegnate alle diverse discipline e saranno riprogettate e allestite con un setting funzionale alle specificità della materia stessa. Il docente non avrà più a disposizione un ambiente  da condividere con i colleghi di altre discipline, ma potrà personalizzare il proprio spazio di lavoro adeguandolo a una didattica attiva di tipo laboratoriale, predisponendo arredi, materiali, libri, strumentazioni, device, software, ecc. La specializzazione del setting d’aula comporterà quindi l’assegnazione dell’aula laboratorio al docente e non più alla classe: il docente resterà in aula mentre gli studenti ruoteranno tra un’aula e l’altra, a seconda della disciplina.

Con questa piccola rivoluzione copernicana si intende superare la distinzione tra lezione teorica (funzionale allo sviluppo di conoscenze) e attività laboratoriale (funzionale allo sviluppo di competenze) a favore di una didattica che veda gli studenti coinvolti in modo più attivo quali protagonisti del proprio apprendimento.

L’attività di innovazione della didattica è stata supportata da un percorso formativo i cui esiti saranno monitorati, con il supporto del prof. Paolo Ferri, docente presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Milano Bicocca, nel corso del prossimo anno scolastico.

Referenti

Prof.  Coluccio Paolo

Circolare organizzativa DADA

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’ utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Maggiori Informazioni Ok